III DOMENICA DI QUARESIMA

◼︎ Oggi celebriamo la Giornata della Solidarietà e i soldi raccolti saranno devoluti al Patronato ACLI/KVW. Clicca qui per maggiori informazioni
◼︎ L’Ufficio parrocchiale rimane chiuso al pubblico fino al 14.03.21. Siamo raggiungibili a telefono 3500340900
◼︎ CAUSA COPRIFUOCO alle 20:00 la Messa festiva delle ore 19:00 in Duomo viene anticipata alle 18:30 nelle domeniche 14-21-28 febbraio e 7-14 marzo 2021

◼︎ domenica 07.03 ore 16:30 in San Domenico Adorazione biblica. Qui lo streaming
◼︎ venerdì 12.03 Lectio in preparazione alla domenica ore 20:30 Zoom: clicca qui


Clicca qui per i canti della Messa delle ore 18:30

Prima lettura: Es 20,1-17 La legge fu data per mezzo di Mosè.
Salmo responsoriale: Sal 18 Signore, tu hai parole di vita eterna.
Seconda lettura: 1Cor 1,22-25 Annunciamo Cristo crocifisso, scandalo per gli uomini, ma, per coloro che sono chiamati, sapienza di Dio.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni 2,13-25

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

Parola del Signore

18:30 omelia di don Mario

Dalla Catechesi

#SIIAUTENTICO

Nel Vangelo di oggi, Gesù ci esorta ad avere il coraggio di essere noi stessi, a lottare per ciò in cui crediamo — con educazione, ma anche con fermezza — per difendere ciò che riteniamo giusto. Ci chiede di spogliarci delle maschere che a volte indossiamo e che impediscono agli altri di amarci per ciò che siamo realmente. Gesù ci dice: “SII AUTENTICO”. Ecco la terza parola chiave con la quale vogliamo proseguire il nostro cammino verso la Pasqua

Signore,
coraggio e verità erano tue compagne.
Donaci la forza di seguire il tuo esempio
ed essere autentici.
Tu ci hai creati unici e speciali;
aiutaci a non rinnegare mai noi stessi
e a costruire legami
sinceri con i fratelli.
Insegnaci a rispettare
ogni opinione
e a ricordare sempre
che la diversità è una ricchezza.
Amen

10Notiziario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.