A Messa stop al distanziamento, ma obbligo di mascherina

Da venerdì 1 aprile, con la fine dello stato di emergenza da Covid in Italia, anche la Conferenza episcopale italiana adegua il suo approccio alla pandemia. La CEI e il Governo hanno concordato di abrogare le misure precauzionali in vigore dal 7 maggio 2020 per le celebrazioni con il popolo. La Diocesi ha comunicato le novità alle parrocchie: abolito il distanziamento in chiesa, resta l’obbligo di mascherina. Indicazioni anche per la Settimana Santa.

Ecco le indicazioni che il vescovo Ivo Muser e il vicario generale Eugen Runggaldier hanno inviato a tutte le parrocchie della Diocesi con decorrenza 1 aprile e in vista della Settimana Santa. Poichè la pandemia non è ancora superata, si sollecita tutti al senso di responsabilità e rispetto nei comportamenti.

  • In chiesa non è più necessario rispettare la distanza interpersonale di un metro e il contingentamento del numero di fedeli che possono accedervi. Non è più necessario un servizio d’ordine, si dovranno in ogni caso evitare ancora gli assembramenti.
  • L’accesso a chiese e cappelle resta obbligatoriamente con la mascherina a protezione di naso e bocca.
  • Si raccomanda di continuare ad igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto.
  • Nello scambio di pace si raccomanda di continuare ad evitare la stretta di mano o l’abbraccio.
  • Prima di distribuire l’Eucaristia va sempre indossata la mascherina e vanno igienizzate le mani. I fedeli ricevono l‘Eucaristia preferibilmente nella mano.
  • I luoghi sacri devono essere arieggiati dopo ogni funzione religiosa, i banchi vanno igienizzati regolarmente con detergenti idonei.
  • Non partecipi alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali, per non contagiare altri fedeli.
  • Le processioni possono svolgersi come di consueto.

Riguardo a indicazioni particolari, il vescovo raccomanda che dalla festa di Pasqua in poi le acquasantiere tornino ad essere riempite. Questo può avvenire nella celebrazione della Veglia Pasquale. I fedeli possono nuovamente portare a casa l’acqua benedetta, che parimenti può tornare disponibile anche sulle tombe e ai funerali.

La CEI invita inoltre i fedeli a partecipare numerosi alle celebrazioni liturgiche, favorendo la presenza rispetto alla ripresa in streaming. Infine la CEI ha fornito le seguenti raccomandazioni per la Settimana Santa:

  • nella Domenica delle Palme i fedeli sono invitati a portare con sé i rami di ulivo alla celebrazione, evitando che siano consegnati, fatti circolare o scambiati.
  • Il Giovedì Santo può svolgersi il rito della lavanda dei piedi, ma si consiglia al celebrante di sanificare le mani ogni volta e di indossare la mascherina.
  • Il Venerdì Santo venga introdotta nella preghiera universale un’intenzione per quanti soffrono a causa della guerra. Una proposta di testo viene fornita dalla Diocesi. L’atto di adorazione della Croce dovrà avvenire evitando il bacio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.